Con riferimento alla Legge 3 2012 si parla di diligenza come requisito essenziale per poter accedere all’esdebitazione, in caso di liquidazione del patrimonio. La diligenza va intesa come “diligenza del buon padre di famiglia” ovvero il comportamento che una persona media di buon senso avrebbe tenuto nella situazione a cui è riferita.