La norma non prevede minimo di debiti, ma solamente che sia accertato lo stato di sovraindebitamento ovvero lo squilibrio tra i debiti e la possibilità di pagarli. Anche se la norma non pone importo minimo, il buonsenso dovrebbe però guidare il debitore a utilizzare la procedura per somme di almeno qualche decina di migliaia di euro. Per somme minori i costi della procedura stessa rischiano di incidere pesantemente e anche le obbligazioni a cui si sottopone il debitore possono essere sproporzionate rispetto al problema da risolvere.